Storia del MuSEd

Il MuSEd – Museo della Scuola e dell’Educazione “Mauro Laeng” è la più antica istituzione museale italiana dedicata alla storia della pedagogia, della scuola e dell’educazione.

Questa realtà discende dal Museo d’Istruzione e di Educazione fondato a Roma nel 1874 dal ministro della Pubblica Istruzione Ruggiero Bonghi.

Finalizzato alla formazione degli insegnanti, fin dalle sue origini il Museo venne dotato di una biblioteca di rilevanza internazionale e di una raccolta dei più evoluti arredi e strumenti didattici.

Nel corso dei decenni, il Museo ha più volte mutato denominazione ed è stato diretto da noti intellettuali (Giuseppe Dalla Vedova, Antonio Labriola, Luigi Credaro, Giuseppe Lombardo Radice, Luigi Volpicelli) che ne hanno incrementato il patrimonio con documenti d’archivio, oggetti, periodici, libri.

Dal 2005, il MuSEd è intitolato Mauro Laeng, il pedagogista che nel 1986 volle salvarlo dall’oblio, e si configura come un luogo di conservazione della memoria educativa e un centro di documentazione, formazione e ricerca aperto alla comunità accademica di Roma Tre, agli studiosi e a chiunque desideri approfondire le grandi questioni della vita educativa del passato.

Il MuSEd ha un Link identifier #identifier__136077-1Regolamento.

Per alcuni cenni storici: Sanzo, A. Il MuSEd da un secolo all’altro, tra memoria e futuro. Cenni storici. In Speciale MuSEd. Il Museo della Scuola e dell’Educazione “Mauro Laeng” dell’Università Roma Tre. Il Pepeverde: rivista di letture e letterature per ragazzi. XX, 77, 2018. Roma : Centro di Ricerca e Documentazione il Pepeverde, 2018, 6-9. Link identifier #identifier__181798-2articolo

Link identifier #identifier__132578-3Link identifier #identifier__75325-4Link identifier #identifier__80911-5Link identifier #identifier__111590-6
Piera Storari 01 Dicembre 2020