Organizzazione della didattica e articolazione del percorso formativo

Organizzazione della didattica

Il numero complessivo del numero di esami di profitto previsti per il conseguimento del titolo di studio è pari a 20. Le attività formative a scelta dello studente sono conteggiate complessivamente come una sola prova. Il Tirocinio è attività obbligatoria del percorso formativo.

Le attività formative possono essere di base, caratterizzanti, affini o integrative e comprendono le attività didattiche (lezioni, laboratori, seminari di studio) in presenza e/o a distanza, impartite nell’ambito dei corsi tenuti dai docenti (titolari o affidatari/supplenti) del Dipartimento, inclusi i corsi tenuti per contratto, nonché quelli mutuati da altri Dipartimenti dell’Ateneo e quelli seguiti dagli studenti nell’ambito dei programmi di mobilità.

Le forme didattiche per le attività a distanza prevedono l’utilizzazione della piattaforma di Dipartimento, o di altre tipologie che consentano l’inserimento di materiale didattico multimediale, lo sviluppo di attività di interazione asincrona e sincrona, l’organizzazione di pratiche di esercitazione, l’uso di strumenti di valutazione e autovalutazione.

Le attività formative a scelta dello studente vengono autonomamente decise da ogni studente nell’ambito dei corsi attivati nell’Ateneo e in quelli previsti dai programmi di mobilità internazionale.

Sono attività formative di base quelle costituite da insegnamenti tendenti a fornire elementi conoscitivi di carattere istituzionale, strumenti metodologici ed analitici di tipo generale negli ambiti disciplinari di riferimento per il corso di studio. Sono attività formative caratterizzanti quelle che risultano indispensabili per definire i contenuti culturali e le abilità che qualificano le figure professionali da costruire attraverso il corso di studio. Esse sono distribuite negli anni di corso tenendo conto dell’equilibrio da realizzare fra i diversi ambiti disciplinari e fra gli specifici insegnamenti per i rispettivi settori scientifico-disciplinari. Sono attività formative affini e integrative quelle che completano le attività di base e caratterizzanti, con elementi specialistici a valenza sia metodologica, sia contenutistica e in rapporto di funzionalità con gli obiettivi formativi del corso di studio.

Sono considerate altre attività formative ai fini dell’acquisizione dei relativi crediti:

  • le attività seminariali aventi carattere di approfondimento tematico;
  • le attività di laboratorio, esercitazioni pratiche, workshops ed altre modalità didattiche, tese a favorire l’apprendimento di abilità e competenze informatiche, linguistiche, relazionali o comunque utili per l’inserimento nel mondo del lavoro;
  • i tirocini e stages presso enti esterni, pubblici o privati. Le modalità di organizzazione e svolgimento del tirocinio sono contenuti nel Link identifier #identifier__147378-1Regolamento didattico del corso di laurea.

Ad ogni insegnamento sono attribuiti 6 cfu (corrispondenti a 36 ore di attività didattica) o 9 cfu (corrispondenti a 54 ore di attività didattica) e tutti gli insegnamenti comportano un’unica prova di esame. Gli insegnamenti a cui sono attribuiti 9 cfu possono essere strutturati anche in moduli didattici che prevedono lo svolgimento di un modulo di base (6 cfu=36 ore) integrato da un modulo di laboratorio o seminario (3 cfu=18 ore) funzionale agli obiettivi formativi e professionalizzanti delle discipline o del curricolo del corso di studio.

Le forme didattiche utilizzate comprendono lezioni frontali, attività seminariali e laboratoriali, esercitazioni, lavori individuali o di gruppo e ogni altra attività valida al fine di conseguire gli obiettivi formativi dell’insegnamento.

La frequenza delle attività didattiche di norma non è obbligatoria ma fortemente consigliata.

Articolazione del percorso formativo

Propedeuticità

  • l’esame di Psicologia dello sviluppo è propedeutico al sostenimento del Laboratorio di Osservazione psicologica del comportamento infantile.
  • dall’a.a. 2021/2022 il Laboratorio di Osservazione psicologica del comportamento infantile è propedeutico al sostenimento delle attività di tirocinio esterno.

Abilità linguistiche

I livelli previsti (definiti sulla base del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue e dei descrittori di Dublino) e le modalità di accertamento differiscono in base alla lingua:

  • Inglese: livello previsto in ingresso B1 (ossia il livello previsto in uscita dalla scuola superiore); livello previsto in uscita B2. Verifica delle competenze linguistiche sulle abilità letto-scrittorie attraverso una prova scritta;
  • Spagnolo: livello previsto ingresso non definito, livello previsto in uscita B1. Verifica delle competenze linguistiche sulle 4 abilità (lettura, scrittura, ascolto e parlato) attraverso una prova scritta e orale;
  • Francese: livello previsto ingresso non definito, livello previsto in uscita B1. Verifica delle competenze linguistiche sulle 4 abilità (lettura, scrittura, ascolto e parlato) attraverso una prova scritta e orale.

È possibile consultare in merito il Link identifier #identifier__70496-2Regolamento didattico del corso di laurea.

Il Link identifier #identifier__163618-3Centro Linguistico di Ateneo (CLA) organizza corsi di lingua francese, inglese, portoghese, spagnolo e tedesco, nonché corsi di italiano come lingua straniera, e si occupa della valutazione delle conoscenze linguistiche sia ai fini curricolari che per l’assegnazione delle borse di studio all’estero; l’offerta didattica è articolata nelle modalità in presenza, online e blended.

Link identifier #identifier__186703-4Link identifier #identifier__48729-5Link identifier #identifier__69136-6Link identifier #identifier__156217-7
Valentina Cozzi 04 Agosto 2021