Supervisione professionale nei contesti socio-educativi

mani di bambini che giocano in cerchio La regolamentazione normativa delle figure professionali del pedagogista e dell’educatore professionale socio-pedagogico è stata interessata da profondi e radicali mutamenti a seguito delle normative introdotte nel corso degli ultimi due anni. La ridefinizione puntuale di ambiti e contesti entro cui tali professionisti operano ha ampliato e valorizzato la loro spendibilità sul piano occupazionale.  Questa richiesta, congiuntamente alle conseguenze dovute alle riforme del mercato del lavoro interno, si è tradotta statisticamente in un sensibile incremento della libera professione negli ambiti riferibili ai settori pedagogico-educativi. Una transizione che invita a ripensare le forme di supporto professionale disponibili all’educatore e al pedagogista e capaci di rispondere efficacemente alle previsioni normative volte alla tutela della salute sui luoghi di lavoro.

Diviene quindi fondamentale per questi due profili socio-educativi poter contare su dispositivi professionali di cura e sostegno dell’operatore il cui ricorso avvenga su base sistematica e non sporadica o contingente. Tale opportunità risponde all’esigenza di preservare il buon esito della relazione educativa, avviata nei diversi setting, con l’intenzione di garantire una prassi deontologicamente orientata. Inoltre, è proprio del dispositivo di supervisione promuovere il benessere del cliente e l’implementazione di sistemi di monitoraggio volti a valorizzare un agire professionale riflessivo implementando l’efficienza delle strutture organizzative entro cui si adempie il mandato professionale.

Il Corso di Perfezionamento in Supervisione professionale nei contesti socio-educativi ha lo scopo di qualificare, perfezionare ed integrare abilità e strumenti della prassi supervisiva finalizzati alla formazione di una figura caratterizzata da una forte autonomia sul piano intellettuale, dotata di capacità osservative, di ascolto empatico e di competenze riconducibili al pensiero critico-riflessivo e processuale.

Modalità didattica: Teledidattica. Sono previsti anche tre incontri in presenza presso il Polo didattico di via Principe Amedeo, 182/184, Roma (zona Stazione Termini).

Informazioni e recapiti

Direttore del Corso dottor Fabio Olivieri
E-mail fabio.olivieri@uniroma3.it
Sede del Corso Dipartimento di Scienze della Formazione – via del Castro Pretorio, 20 – Stanza 1.02 (ala via Milazzo) – 00185 Roma

 

A.A. 2022-2023

Link identifier #identifier__145347-1Regolamento del Corso

Scadenza invio Domande di Ammissione: 15 gennaio 2023. Scadenza posticipata al 31 gennaio 2023
Scadenza Iscrizioni: 31 gennaio 2023. Scadenza posticipata al 15 febbraio 2023

Il Master ammette l’inscrizione di dipendenti pubblici nell’ambito dell’iniziativa “PA 110 e Lode”.

Per l’invio delle Domande di Ammissione occorre preventivamente Link identifier #identifier__89010-3registrarsi sul Portale dello Studente e successivamente seguire quanto riportato nella pagina dedicata alle Link identifier #identifier__163417-4procedure per l’invio delle Domande di Ammissione.

Segnalazioni e richieste relative alle procedure amministrative del Corso (difficoltà nelle procedure di iscrizione, pagamenti, ritiro dell’attestato) devono essere effettuate online tramite il servizio di Helpdesk Link identifier #identifier__184128-3https://help.uniroma3.it/ selezionando: Ufficio Esami di Stato e Corsi Post Lauream.

A.A. 2021-2022

Link identifier #identifier__82673-2Regolamento del Corso

Scadenza invio Domande di Ammissione: 15 gennaio 2022
Scadenza Iscrizioni: 31 gennaio 2022

 

 

Link identifier #identifier__108233-3Link identifier #identifier__34184-4Link identifier #identifier__35847-5Link identifier #identifier__176090-6
Maddalena Capobianco 16 Gennaio 2023